Recinzioni, quando servono i permessi e come evitarli

Descrizione

Se stai pensando di installare una recinzione intorno alla tua proprietà, potresti chiederti se servono dei permessi per farlo. La risposta, in breve, è che dipende dalla tipologia di recinzione che desideri installare e dalle normative locali. In questo articolo, esploreremo quando servono i permessi per realizzare le recinzioni e come evitare questa complicazione burocratica, rivolgendoci a privati, imprese edili, imprese di giardinaggio, oratori, parrocchie e Pubblica Amministrazione.

Tipologie di Recinzioni e Necessità di Permessi

Le recinzioni possono essere suddivise in due categorie principali: a basso impatto e ad alto impatto. Le prime includono recinzioni composte da semplice rete metallica ancorate al suolo senza l’ausilio di opere murarie, mentre le seconde sono più elaborate e possono richiedere la costruzione di muri e fondazioni.

Se la recinzione che desideri installare non comporta alcuna alterazione ambientale, estetica o funzionale significativa e utilizza materiali a basso impatto visivo, potresti non aver bisogno di alcun permesso edilizio. Questo tipo di lavoro rientra nell’edilizia libera e può essere eseguito senza la necessità di lunghi iter burocratici.

Tuttavia, se la tua recinzione comporta una trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio, ad esempio se prevede la costruzione di muri o fondazioni, potresti dover richiedere un permesso di costruire. Questo tipo di recinzione viene considerato una nuova costruzione e richiede l’approvazione delle autorità competenti.

Vincoli Paesaggistici: Come Affrontarli

In alcuni casi, la proprietà che desideri recintare potrebbe essere soggetta a vincoli paesaggistici. In questo caso, è necessario ottenere un’autorizzazione paesaggistica rilasciata dalla Regione o dall’Ente di competenza, con il parere vincolante della Sovrintendenza dei Beni Paesaggistici ed Ambientali.

Questi vincoli generalmente riguardano la realizzazione di opere murarie e possono escludere la possibilità di installare recinzioni con muretti o plinti in cls. Tuttavia, esistono alternative come l’utilizzo del battipalo, un mezzo appositamente progettato per battere i pali direttamente nel terreno. È importante assicurarsi che i pali raggiungano una profondità sufficiente, di almeno 80 cm, ma preferibilmente 100 cm, per garantire la stabilità della recinzione.

In conclusione, se stai pensando di installare una recinzione intorno alla tua proprietà, è importante comprendere le normative locali e valutare attentamente il tipo di recinzione che desideri realizzare. Se la recinzione non comporta una significativa alterazione del territorio e utilizza materiali a basso impatto visivo, potresti non aver bisogno di permessi speciali. Tuttavia, se la tua recinzione comporta modifiche strutturali o è soggetta a vincoli paesaggistici, potrebbe essere necessario ottenere le autorizzazioni appropriate. Rivolgiti a Retissima per assistenza e consulenza sulla scelta e l’installazione delle recinzioni, garantendo così la conformità alle normative e la tranquillità della tua proprietà.

Condividi su

Richiedi informazioni

Contattaci